Negli ultimi anni s’è fatto un gran parlare delle impastatrici. Nate come strumento professionale, poco a poco, sono arrivate anche nelle cucine domestiche aiutando chef amatoriali a riscoprire il piacere di cucinare e, o, impastare. Ecco perché in breve tempo le impastatrici sono decuplicate e trovare quella che fa per te può essere complicato. Per venirti incontro, abbiamo scritto una guida che mira proprio a questo: eliminare ogni dubbio.

L’idea di poter creare un impasto dal nulla, o quasi, è qualcosa di estremamente romantico. È forse questa una delle ragioni che ha spinto decine e decine di persone a provare quest’ebrezza, quella di mettersi ai fornelli. Il risultato?

Semplice: tutte le case di elettrodomestici hanno cominciato a produrre impastatrici di ogni colore, ogni tipo e ogni forma, affollando le vetrine e i negozi online come Amazon. Ecco perché per chi, come te, deve farne un uso professionale è diventato alquanto complicato capire quali siano i produttori più affidabili.

La nostra guida nasce per questo: aiutarti a districarti in questo fitto reticolo.

Perché comprare un’impastatrice?

Comprare un’impastatrice significa scegliere di abbreviare, anche di molto, i tempi di produzione. Si tratta infatti di una macchina che è costituita da un motore, un secchiello in cui miscelare gli ingredienti e un gancio che, per l’appunto, si preoccupa di miscelare gli ingredienti e creare un impasto.

Esistono tre tipi di impastatrici:

  1. A spirale;

  2. A forcella;

  3. A braccia tuffanti.

Sul mercato, poi, appartengono a questa macro categoria anche le planetarie.

Ognuna di loro è pensata per simulare un movimento specifico perciò è bene vedere nel dettaglio le diverse tipologie.

La differenza tra impastatrice e planetaria

Ad attirare attenzione spesso sono le planetarie che vengono confuse con le impastatrici. Tuttavia si tratta di due prodotti diversi. Nello specifico, le planetarie sono delle macchine impastatrici in grado di simulare il movimento dei pianeti intorno al sole. Si tratta di quindi di una rotazione circolare del braccio alla quale si aggiunge la rotazione interna dell’accessorio che miscela.

Abbiamo parlato di accessorio non a caso. La planetaria, infatti, di base ha tre strumenti in dotazione: la frusta a filo, la foglia e il gancio. Nello specifico, la frusta viene usata per montare le creme, l’uncino per impastare e la foglia è ideale per miscelare gli ingredienti nella vasca. È così quindi, con questi accessori, e con il moto planetario che il braccio raggiunge in modo ottimale ogni parte della vasca, permettendo a questa impastatrice di diventare versatile e soprattutto eccezionalmente performante.

A questa ultima categoria appartengono le Kitchenaid, diventate note negli ultimi anni per la loro versatilità e il design che ne favorito l’aumento del prezzo, talvolta mettendo all’oscuro anche prodotti più potenti con una spesa minore.

Le impastatrici a spirale

A rendere particolare i modelli a spirale è la tipologia di movimento che è bidirezionale. Vengono infatti dette attrezzature a movimento doppio dal momento che a muoversi sono la vasca, che ruota in senso orario o antiorario, che la spirale. Il risultato perciò è un impastamento facilitato e, quindi, una pasta soffice, omogenea ed elastica. Infatti è proprio il piantone centrale fisso, il frangipasta, che impedisce che il blocco diventi unico. 

Le impastatrici a forcella

La peculiarità dell’impastatrice a forcella è il gancio impastatore con la sua particolare forma a O. L’ovalità e il meccanismo di rotazione infatti consentono all’impasto di ricevere grandi quantità di ossigeno, conferendo alla pasta una maggiore morbidezza e friabilità. È proprio la forma circolare infatti a far circolare maggior aria nell’impasto aiutando e facilitando il processo di lievitazione, proprio grazie alla grande quantità di ossigeno ricevuta.

Le impastatrici tuffanti

Si tratta di una tipologia di impastatrice che è in grado di simulare il movimento compiuto da te quando impasti. Il braccio meccanico di questo tipo di impastatrice è infatti formato da due leve (dette forcola e spatola) che si muovono simultaneamente per miscelare e sollevare l’impasto. A questo, quindi, si aggiunge la rotazione della vasca di miscelazione che assicura il mescolamento di tutti gli ingredienti presenti, in modo omogeneo e uniforme.

E parlando proprio di questo veniamo alla questione prezzi.

Quali sono i prezzi delle impastatrici?

Se stai pensando di acquistare un’impastatrice, per uso domestico, da banco o da terra, le possibilità di scelta sono tantissime. Puoi comprare una buona impastatrice professionale già a partire da poche centinaia di euro, optando per una macchina con una vasca di miscelazione che può spaziare dai 5 KG di impasto, ai 7 litri o addirittura ai 10 lt e, nelle versioni più grandi anche 20 lt.

Insomma: puoi scegliere di acquistare una macchina professionale più piccola così come puoi fare un investimento più corposo per una macchina dalle prestazioni elevate, destinata a durare a lungo e a lavorare a lungo restituendoti ottimi ritorni di investimento. Tutto dipende dalle tue esigenze.

Se vuoi una mano nella selezione della giusta attrezzatura, non esitare a contattarci. Siamo qui per questo!